Vicenza, 04/10/2016

OLTRE 6 MILA PERSONE PER LA VENTESIMA EDIZIONE DI DISTILLERIE APERTE

 

Sono stati oltre 6 mila i visitatori dell’edizione 2016 di Distillerie Aperte, la manifestazione ideata e organizzata da Made in Vicenza che quest’anno ha festeggiato la ventesima edizione. Per tutta la giornata di domenica 2 ottobre, quattro tra le più antiche e prestigiose distillerie hanno aperto le porte a curiosi e appassionati del gusto, proponendo visite guidate e degustazioni con esperti grappaioli. Una formula che ancora una volta ha entusiasmato i visitatori, come racconta Paolo Brunello, della distilleria F.lli Brunello di Montegalda: «Abbiamo organizzato oltre 200 degustazioni, suddividendo i partecipanti in piccoli gruppi e fino ad… esaurimento delle materie prime, ma i visitatori complessivi sono stati oltre un migliaio. Due gli abbinamenti che abbiamo proposto: un distillato di uva con gelato alla vaniglia e fili di cioccolato, e un gelato al marron glace con una grappa di Amarone millesimata, oltre alla torta La Gata insieme ad una grappa riserva speciale con 5 anni di invecchiamento, la “175” realizzata nell’anniversario dei 175 anni dalla fondazione della nostra distilleria».

Buona affluenza di pubblico anche alla distilleria Li.dia di Villana: «Da anni non registravamo così tanti visitatori – racconta Elena Schiavon -. In particolare molto apprezzate sono state le degustazioni, volutamente insolite, che abbiamo proposto, sia dolci che salate. Tra le prime c’erano una crema pasticcera delicata con aggiunta di grappa di moscato, una crema al caffè con grappa stravecchia e amaretti e un dolce con impasto di cacao amaro e caffè farcito con una crema a base di cacao, cioccolato fondente e grappa stravecchia; per le degustazioni salate, invece, abbiamo proposto un crostino a base di curcuma e zenzero con grappa di Traminer e un formaggio tipo gorgonzola con noci, e poi ancora un formaggio stagionato abbinato a composta di mele e zenzero e grappa di moscato».

Grandi numeri anche alla Distilleria Poli, dove sono stati oltre 3 mila gli appassionati dei sapori tipici che hanno colto l’opportunità di visitare la distilleria di Schiavon. Qui oltre alle degustazioni ad attendere il pubblico c'era anche un'altra sorpresa: la possibilità di visitare i locali dove è stata girata la fiction RAI “Di Padre in figlia”, che andrà in onda prossimamente su Rai Tre. «Durante la visita guidata - racconta Jacopo Poli - abbiamo svelato curiosità e aneddoti del backstage della fiction, che ha annoverato tra i protagonisti anche Stefania Rocca e Cristiana Capotondi. Questa volta però il red carpet non è stato  calcato dalle celeberrime attrici, ma sono stati gli ospiti della giornata i veri protagonisti! Ogni anno ci chiediamo perché così tanta gente torni a trovarci e i visitatori siano sempre più numerosi. Probabilmente perché alle persone piace scoprire un’azienda dove l’accoglienza è un valore e dove si lavora con passione, anche divertendosi».

Infine, un successo di pubblico anche per la Distilleria Schiavo, a Costabissara: «Abbiamo proposto una sfoglia di pasticceria crema al cioccolato e Prugna Anno Decimo - racconta Marco Schiavo - e abbiamo visto un pubblico interessato un po' a tutti i prodotti, e anche competente. L’affluenza è stata numerosa, soprattutto nel pomeriggio, a dimostrazione che dopo vent’anni la formula di Distillerie Aperte è sempre vincente, e per questo dobbiamo ringraziare Made in Vicenza in qualità di ideatrice e organizzatrice della manifestazione».

A tirare le somme della manifestazione, nel suo ventennale, è proprio il Direttore Generale di Made in Vicenza camerale Germaine Barreto: «Il fatto che dopo vent’anni Distillerie Aperte continui a riscuotere un successo così ampio dimostra che in questi anni la manifestazione si è fatta conoscere e apprezzare presso il pubblico, diventando ormai un appuntamento irrinunciabile per tantissimi appassionati del gusto e contribuendo in modo significativo a far conoscere una delle produzioni più tipiche ed eccellenti del territorio. E in questa prospettiva molto importante è la presenza a Distillerie Aperte di un buon numero di visitatori provenienti da altre province e regioni. Allo stesso tempo anno dopo anno la manifestazione riesce a trovare sempre nuovi spunti e nuove idee, evolvendosi di pari

 

 

 

passo con le nuove tendenze dei consumatori, come dimostra l’interesse di categorie di utenti per certi versi nuove per la grappa, come ad esempio l'aumento del pubblico femminile».

Un’iniziativa di successo che rientra nell’ambito di un programma più ampio di Made in Vicenza per la promozione dei prodotti enogastronomici del territorio, nel quale rientra la presenza fissa al Vinitaly, la realizzazione di numerose pubblicazioni (tra cui l’Atlante Agroalimentare Vicentino, recentemente rinnovato e disponibile sia in italiano che in inglese), la presenza periodica sui principali canali e programmi TV tematici e l’organizzazione di eventi e degustazioni per buyer, giornalisti specializzati, opinion leader e operatori di settore. Questo naturalmente senza dimenticare l’impegno per l’internazionalizzazione delle imprese vicentine del settore, tramite la partecipazione alle più importanti manifestazioni fieristiche internazionali e l’organizzazione di missioni all'estero e di workshop a Vicenza con buyer stranieri.